Bottarga di tonno

Categoria: Pesce e prodotti ittici

Prodotto: Bottarga di tonno

Produttore: Euroittica Lilybetana

La bottarga di tonno è un’eccellenza gastronomica tipicamente siciliana, preparata con metodo artigianale e molto utilizzata come antipasto o come condimento per i primi piatti.

Zona di produzione

Calabria

Sardegna

Sicilia

Questa specialità viene prodotta principalmente in Sicilia, nella provincia di Trapani. Produzioni minori  anche in Sardegna e in Calabria.

Descrizione

La bottarga di tonno è una delle eccellenze gastronomiche della Sicilia, preparata secondo un metodo artigianale antico, che prevede la salatura, l’essiccatura e la stagionatura della sacca contenente le uova del tonno

La forma è ovale allungata, ha diverse dimensioni a seconda del peso; il colore esterno è marrone scuro, l’interno marrone rossiccio. Il gusto è forte e molto saporito, è di consistenza semidura, si taglia a fette e o si grattugia.

È un alimento pregiato ed apprezzato in cucina, considerata il “Caviale del Mediterraneo” e “l’Oro della Sicilia”.

Metodo di produzione

La bottarga di tonno è frutto di una lavorazione dalla tradizione millenaria, tramandata di generazione in generazione. Il pesce pescato viene privato della sacca contenente le uova, che viene successivamente lavata, salata, essiccata, pressata e stagionata.

Proprietà

La  bottarga di tonno è un alimento particolarmente ricercato ed esclusivo, prodotto con le gonadi femminili del tonno, trattate con tecniche tradizionali, basate interamente sull’esperienza storica dei “mastri salatori”. Tra le bottarghe, quella prodotta con le uova del tonno rosso Thunnus thynnus, pescato nel mar Mediterraneo, è la più pregiata. In commercio si trova in polvere o in filetto intero conservato sottovuoto, pronta da grattugiare: quest’ultima conserva maggiormente le sue proprietà organolettiche e nutrizionali.

Si tratta di un alimento discretamente calorico, per 100g di prodotto apportano circa 400 kcal. Il prodotto essiccato è costituito per il 30,5% da acqua, il 35,5% da proteine e il 25,7% da lipidi, molti dei quali appartengono  agli importantissimi omega-3, acidi grassi  anti-infiammatori utili soprattutto nella prevenzione di patologie cardiovascolari.

Dal momento che è un prodotto conservato sotto sale, la bottarga è anche particolarmente ricca di sodio, che rappresenta il 23% circa della sostanza secca, che potrebbe favorire l'insorgere di ipertensione, per questo motivo se ne consiglia un consumo ridotto a chi segue una dieta iposodica.  Contiene, inoltre, acido urico, che, a dosi eccessive può essere nocivo per l'organismo in quanto favorisce l'insorgenza della gotta, ma è stato dimostrato che se assunto con moderazione può essere un efficace antiossidante per l’organismo.

 

Utilizzo in cucina / Abbinamento

La bottarga di tonno è ottima utilizzata a crudo, a fettine sottili o grattugiata. È un gustoso condimento per primi piatti  ed insalate e si presta perfettamente ad essere usato su crostini  con burro.

Ideale come antipasto, marinato con olio di oliva, limone ed un po' di prezzemolo.

Conservazione

La bottarga si può conservare anche per diversi mesi nella parte meno fredda del frigorifero, avvolgendola in fogli di alluminio.

Storia

Pare siano i Fenici gli antenati di questo prodotto, oggi considerato tipicamente italiano.

Per secoli i pescatori prepararono e consumarono questo cibo che si poteva conservare per lunghe giornate in mare aperto. Da piatto povero  per pescatori, la bottarga è diventata oggi protagonista dell’alta cucina, conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo.

Ingredienti

Sacche ovariche di tonno, sale marino.