Cima di Bitonto

Categoria: Olio extravergine d'oliva

Prodotto: Cima di Bitonto

Produttore:

L’olio ottenuto da questa cultivar si caratterizza per il suo colore giallo brillante, per un fruttato leggero ed un gusto dolce, con delicate note di piccante e amaro.

Zona di produzione

Puglia

Questa cultivar è molto diffusa nella zona centrale della provincia di Bari.

Descrizione

Il frutto ha dimensioni medio-piccole e forma ellissoidale. A maturazione si presenta di colore nero lucente, l’invaiatura è tardiva e scalare.

L’olio extravergine di oliva da cultivar Cima di Bitonto ha un colore giallo brillante, caratterizzato da un fruttato leggero di oliva verde e sentori di mandorla e mele. Al gusto, la sensazione è prevalentemente dolce, con note di piccante e amaro e retrogusto mandorlato.

Utilizzo in cucina / Abbinamento

L’olio ottenuto da questa cultivar è ottimo utilizzato a crudo per esaltare il gusto ed il profumo di qualsiasi tipo di pietanza, come preparazioni a base di pesce, primi piatti delicati, carpacci e verdure bollite.

Conservazione

L’olio extravergine ottenuto dalla cultivar Cima di Bitonto va conservato in luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce e da fonti di calore, la temperatura di conservazione ottimale è tra i 12 e i 18 gradi. La cantina è il posto ideale per conservare l’olio extravergine, che va consumato entro 12 mesi dalla data di imbottigliamento.

La degradazione dei polifenoli e dei principali componenti dell’olio extravergine di qualità è proporzionale al tempo di contatto con agenti esterni, quali luce e calore, che ne deteriorano le strutture.

Storia

Bitonto è conosciuta anche come la “città degli ulivi”, grazie all'elevato numero di uliveti presenti sul suo territorio e alla rinomata tradizione secolare di cura e coltivazione degli olivi che la contraddistingue.

La cultivar Cima di Bitonto è conosciuta con altri nomi, a seconda della zona di produzione: Ogliarola Barese, Paesana, Bitontina, Marinese, Ogliarola Garganica.