Confettura di albicocche

Categoria: Confetture, miele e gelatine

Prodotto: Confettura di albicocche

Produttore:

La confettura di albicocca è una conserva di frutta preparata con le albicocche mature, zucchero e succo di limone, cremosa e profumata, dal gusto intenso.

Zona di produzione

Calabria

Campania

Emilia Romagna

Marche

Piemonte

Sicilia

Esistono numerose varietà di albicocche, che vengono coltivate principalmente da produttori dell’Italia centro meridionale. Alcune tipologie vengono coltivate anche nelle zone collinari di Emilia Romagna e Piemonte.

Descrizione

La confettura di albicocca viene preparata artigianalmente, facendo cuocere i frutti maturi, con la semplice aggiunta di zucchero e succo di limone. La sua consistenza è cremosa, il colore è di un arancione acceso, che lascia intravedere piccoli pezzi di frutta. Il profumo pieno di albicocca matura ed il sapore intenso, con una nota leggermente aspra, la rendono perfetta da spalmare sul pane a colazione oppure come ingrediente di ricette dolci.

Metodo di produzione

La stagione perfetta per preparare questa marmellata è l’estate: giugno, luglio e agosto, quando questi frutti dalla benefiche proprietà sono maturi. Le albicocche vengono lavate ed asciugate, aperte in due e private del nocciolo e poi messe in una casseruola con zucchero e succo di limone, dove cuoceranno per circa un’ora. Quando la confettura è pronta, viene confezionata ancora calda negli appositi barattoli in vetro.

Proprietà

L’albicocca, frutto tipicamente estivo dal sapore piacevole e delicato, viene spesso conservata sotto forma di confettura. L’aggiunta di zucchero e succo di limone ai frutti maturi è necessaria al fine di conferire alla polpa una consistenza densa.

Dal punto di vista nutrizionale, l’albicocca è un’ottima fonte di zuccheri semplici, fibre, minerali e vitamine. Essa contiene apprezzabili quantità di carotenoidi e altre sostanze fitochimiche, aventi attività anti-ossidante. Tuttavia, durante il processo di trasformazione e successiva conservazione dei frutti in confettura, si assiste a un significativo decremento dei valori nutritivi, a causa delle elevate temperature che si raggiungono.

La confettura di albicocche rappresenta una buona fonte di carboidrati, soprattutto zuccheri, fibre ed energia ed è quindi indicata per colazioni nutrienti e sane. 100 g di prodotto apportano circa 250 kcal, valore che può cambiare in base alla quantità di zucchero aggiunta.

Sebbene le albicocche siano alimenti ipocalorici e sazianti, le confetture risultano più caloriche e vanno consumate con moderazione, soprattutto da parte di soggetti che seguono regimi alimentari dimagranti o diete a ridotto indice glicemico.

 

Utilizzo in cucina / Abbinamento

Questa confettura si gusta ottimamente spalmata su fette biscottate o pane, così come abbinata al gelato alla crema. Può essere un ingrediente prezioso per la preparazione di torte e biscotti, ma anche una base per ricette salate, come ad esempio un insolito risotto.

Conservazione

Dopo l’apertura, va conservata in frigorifero. Generalmente, va consumata entro due anni dalla data di produzione, a confezione integra.

Storia

La pianta di albicocco è originaria della Cina, la sua presenza data più di 5000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centrale sino ad arrivare in Armenia dove, si dice, venne scoperta da Alessandro Magno. I Romani la introdussero in Italia e in Grecia nel 70-60 a.C., ma la sua diffusione nel bacino del Mediterraneo fu consolidata solo successivamente dagli arabi.

Ingredienti

Albicocche, zucchero, limone.