Dolce di San Felice

Categoria: Olio extravergine d'oliva

Prodotto: Dolce di San Felice

Produttore:

L’extravergine che si ottiene da questa varietà autoctona umbra si caratterizza per la sua dolcezza, con leggere punte di piccante e amaro, e sensazioni olfattive di floreale.

Zona di produzione

Umbria

La varietà Dolce di San Felice, è una specie autoctona umbra, coltivata nei comuni di Castel Ritaldi, Montefalco e Giano dell’Umbria.

Descrizione

Il frutto è di medie dimensioni, con forma ellittica, di colore verde chiaro, che cambia verso il nero opaco a maturazione. L’invaiatura è precoce e scalare.

L’olio di questa cultivar, dal colore giallo con riflessi verdi, è caratterizzato da un fruttato medio, con sensazioni floreali e sentori di mela e pomodoro. Al gusto si presenta con note dolci e una leggera punta di amaro e piccante sul finale.

Utilizzo in cucina / Abbinamento

L’olio monovarietale Dolce di San Felice è particolarmente adatto per abbinamenti con zuppe di verdure e legumi, carni bianche e condimenti a crudo.

Conservazione

L’olio extravergine d’oliva va conservato in luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce e da fonti di calore, la temperatura di conservazione ottimale è tra i 12 e i 18 gradi. La cantina è il posto ideale per conservare l’olio extravergine, che va consumato entro 12 mesi dalla data di imbottigliamento.

La degradazione dei polifenoli e dei principali componenti dell’olio extravergine di qualità è proporzionale al tempo di contatto con agenti esterni, quali luce e calore, che ne deteriorano le strutture.

Storia

Nel territorio di coltivazione della Dolce di San Felice, nei pressi di un’abbazia dedicata appunto a San Felice, da cui il nome, è tutt’oggi visibile un olivo millenario di questa varietà.