Genovesi Siciliane

Categoria: Cioccolato e pasticceria

Prodotto: Genovesi Siciliane

Produttore: Biscotti Tumminello

Le genovesi siciliane sono dei dolcetti di pasta frolla ripieni di crema pasticcera oppure di crema di ricotta con gocce di cioccolato.

Zona di produzione

Sicilia

Le genovesi vengono prodotte in tutta la Sicilia, il loro paese d’origine è Erice, in provincia di Trapani.

Descrizione

Le genovesi sono dei dolcetti tipici siciliani, caratteristici del meraviglioso borgo di  Erice e si trovano generalmente in due versioni: con crema pasticcera, oppure con crema di ricotta impreziosita da gocce di cioccolato. Vengono prodotte in tutta la Sicilia, ogni luogo ne propone una sua variante originale.

Metodo di produzione

Per realizzare questi dolcetti sfiziosi bisogna innanzitutto preparare  la pasta frolla e la crema pasticcera. Dopo che la pasta frolla ha riposato per almeno mezz’ora in frigorifero, si stende con il mattarello fino ad ottenere uno spessore di mezzo centimetro circa. Da qui si ritagliano dei dischi rotondi del diametro di circa 10 centimetri; al centro di ogni disco si pongono due cucchiai di crema pasticcera e poi si ricopre il tutto con un altro disco. Si chiude bene il pasticcino con le dita e poi si rifiniscono i contorni con una rotella. Le genovesi vengono poi messe in forno a 220° per circa 20 minuti, fino a che raggiungono la doratura. Una volta pronte, si cospargono di zucchero a velo e sono ottime da gustare ancora calde.

Utilizzo in cucina / Abbinamento

Le genovesi siciliane sono adatte per qualsiasi momento, dalla mattina alla sera, ogni momento è un’occasione per apprezzare questi deliziosi pasticcini. In Sicilia le genovesi spesso vengono mangiate a colazione, per iniziare con buon gusto la giornata. Sono ottime calde, appena sfornate.

 

Conservazione

Questi dolcetti si conservano meglio in frigorifero, per al massimo due o tre giorni.

Storia

La ricetta originale delle "genovesi" si deve alle monache del Convento di San Carlo  ad Erice e la loro diffusione è merito dell’impegno e della dedizione di Maria Grammatico. Questa signora trascorse 15 anni nel Convento di San Carlo, a causa delle ristrettezze economiche in cui era finita la sua famiglia, e apprese dalle monache l’arte della pasticceria siciliana. Aprì in seguito un suo laboratorio ad Erice acquistando fama e notorietà. Oggi molti turisti giungono ad Erice appositamente per visitare la sua pasticceria.

Ingredienti

Farina, zucchero, burro, uova, latte, scorza di limone grattugiato, amido per dolci.