Lavagnina

Categoria: Olio extravergine d'oliva

Prodotto: Lavagnina

Produttore:

Dalla cultivar Lavagnina si ottiene un olio extravergine dal fruttato leggero, con un gusto gradevolmente dolce, che richiama il sapore delle mandorle e dei pinoli.

Zona di produzione

Liguria

La Lavagnina viene coltivata in provincia di Genova.

Descrizione

Il frutto ha dimensioni medio-piccole, con forma cilindrica allungata. Il colore varia dal verde al nero violaceo; l’invaiatura è tardiva e scalare.

L’olio extravergine di Lavagnina si  presenta di colore giallo con leggeri riflessi verdi. Le sensazioni olfattive sono di fruttato leggero, il sapore richiama il gusto delle mandorle e dei pinoli, gradevolmente dolce. Se la raccolta è precoce si caratterizza come un fruttato verde, di erba e carciofo, con sensazioni di amaro e piccante.

Utilizzo in cucina / Abbinamento

In cucina quest’olio si apprezza al meglio su piatti delicati, come carni bianche, pesce e verdure.

Conservazione

L’olio extravergine va conservato in luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce e da fonti di calore, la temperatura di conservazione ottimale è tra i 12 e i 18 gradi. La cantina è il posto ideale per conservare l’olio extravergine, che va consumato entro 12 mesi dalla data di imbottigliamento.

La degradazione dei polifenoli e dei principali componenti dell’olio extravergine di qualità è proporzionale al tempo di contatto con agenti esterni, quali luce e calore, che ne deteriorano le strutture.

Storia

Nella zona di Chiavari, Pegli e Voltri la presenza dell’olivo  viene fatta risalire al III millennio a. C., mentre sulle pendici montane e collinari della Liguria si è espansa dalla fine del ‘700. La vocazione olivicola della provincia di Genova viene sottolineata da Petrarca in alcuni scritti.