Olio Extravergine d’Oliva

L’olio extravergine d’oliva è un olio commestibile ottenuto tramite spremitura meccanica delle olive e avente un’acidità totale massima dello 0,8%.

Zona di produzione

Basilicata

Puglia

Sardegna

Sicilia

Toscana

Veneto

La maggior parte dell’olio italiano proviene da oliveti situati a sud della penisola: producono l’85% del totale le regioni di Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna.

Descrizione

L’olio extravergine d’oliva è un olio commestibile ottenuto mediante mezzo meccanico dalla spremitura delle olive e caratterizzato da un’acidità totale massima dello 0,8%. Si contraddistingue da altri oli per il tipico odore fruttato e il gusto variabile tra il piccante e l’amarognolo.

Metodo di produzione

La produzione dell’olio è un procedimento molto complesso che avviene attraverso varie fasi. Dopo la raccolta delle olive, si procede alla loro pulitura e alla molitura (dove i frutti vengono macinati per ricavare un’emulsione di acqua e parti lipidiche), quindi alla gramolatura, dove le parti grasse vengono ulteriormente separate per ottenere frazioni oleose più grandi, tramite pale ad elica di acciaio che ruotano all’interno di apposite vasche. Da questa fase, il prodotto può essere estratto tramite tre diversi procedimenti di estrazione: per pressione, per centrifugazione o per percolamento e filtrazione selettiva.

Utilizzo in cucina / Abbinamento

L’olio extravergine di oliva è uno degli ingredienti base sempre presenti nella cucina italiana, e trattandosi di un prodotto largamente versatile viene utilizzato sia per la cottura dei cibi (persino nella frittura, a condizione di non superare il cosiddetto punto di fumo di temperatura, in cui l’olio rilascia un fumo dal cattivo odore, segnale di un inizio di decomposizione e di rilascio di sostanze tossiche), che a crudo, per insaporire verdure, e per la preparazione di salse e piatti salati e dolci, oltre ad essere un elemento essenziale per le conserve di sottoli della tradizione enogastronomica italiana.

Conservazione

L’olio extravergine di oliva è un prodotto di per sé usato come conservante, per cui se sigillato riesce a conservarsi molto a lungo. Dopo l’apertura, se opportunamente riposto in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce diretta del sole, può preservare le sue caratteristiche integralmente fino a circa un anno. All’acquisto bisogna però accertarsi che il contenitore sia integro e, potendo, che l’olio non sia troppo trasparente.

Storia

L’olio è un condimento alimentare a base lipidica che affonda le sue radici nell’antichità. Sviluppatosi inizialmente solo in alcune piccole aree dell’Asia Minore, si è poi diffuso nei secoli in tutta la fascia costiera del Mediterraneo, per essere poi esportato in tutto il mondo.

Ingredienti

Olive spremute