Pennoni di farina di Tumminia

Categoria: Pasta, riso e cereali

Prodotto: Pennoni di farina di Tumminia

Produttore: I&C srl

Formato di pasta simile alle penne, ma molto più grande, questi pennoni vengono prodotti con l’utilizzo esclusivo di farina di grano antico siciliano Tumminia.

Zona di produzione

Sicilia

Vengono prodotti con farina di grano antico coltivato in Sicilia.

Descrizione

Realizzati con farina di grano antico siciliano Tumminia (o Timilia) molito a pietra, i pennoni conservano il gusto tipico e caratteristico del cereale di provenienza. Sono ottimi conditi con sughi importanti e saporiti, oltre ad essere particolarmente adatti nella versione ripiena e cotta al forno.

 

Metodo di produzione

I pennoni vengono realizzati artigianalmente con farina di grano Tumminia prodotta  seguendo l’antico metodo della molitura a pietra. Questo metodo di molitura permette di ottenere farine ad alto valore nutrizionale e organolettico, con una granulometria irregolare, ricca di crusca e con la totale conservazione del germe, nel quale è contenuta la parte più nobile e saporita del seme.

Proprietà

Per i derivati del grano Tumminia o Timilia è stato messo in evidenza un elevato contenuto proteico e un basso indice di glutine, peculiarità che ne incrementa la digeribilità rispetto ad altre semole e farine.

Inoltre, come per gli altri prodotti derivati dai grani antichi di Sicilia, molto basso o nullo risulta essere il livello di micotossine, molecole tossiche prodotte dai miceti, termoresistenti, la cui azione sull’organismo umano può provocare danni a livello di diversi organi e tessuti (fegato, sistema gastro-enterico, rene, sistema immunitario, ecc.). Tale caratteristica è conseguenza del caratteristico clima secco e del basso grado di umidità del territorio.

Utilizzo in cucina / Abbinamento

Poiché si tratta di un formato di pasta piuttosto grande, necessitano di abbondante acqua per una cottura perfetta. Sono ottimi conditi con sughi densi ed elaborati, di verdure o di carne oppure cucinati al forno, ripieni e gratinati.

Conservazione

Vanno conservati in luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce, e consumati entro la data di scadenza riportata sulla confezione.

Storia

Il grano Tumminia o Timilia veniva coltivato in Sicilia già nel periodo greco con il nome di Trimeniaios o Trimenaio, cioè grano a ciclo trimestrale. Infatti, è una varietà a ciclo breve, che può essere seminata a gennaio nelle zone marittime o addirittura a marzo in quelle collinari, con raccolta comunque a giugno-luglio,  per questo motivo è chiamato anche grano marzuolo. Per le famiglie siciliane rappresentava un’importante ancora di salvezza, in quanto veniva impiegata nelle primavere successive ad autunni piovosi, che non consentivano la crescita di altri tipi di grano. Tale caratteristica garantì nei secoli la sopravvivenza di tante famiglie, tanto da fargli guadagnare l’appellativo di “grano salva vita”. È un grano molto resistente alla siccità, adatto alle coltivazioni in paesi caldi e secchi, per questo motivo prese piede nelle regioni del sud Italia come la Sicilia.

Ingredienti

Farina di grano Tumminia, acqua