Pesche sciroppate

Categoria: Frutta, verdura e legumi

Prodotto: Pesche sciroppate

Produttore:

Le pesche sciroppate sono un ottimo modo per conservare questi gustosi frutti, con la sola aggiunta di sciroppo a base di acqua, zucchero e succo di limone.

Zona di produzione

Campania

Emilia Romagna

Marche

Sicilia

Le pesche vengono coltivate principalmente in Campania, Emilia Romagna e Sicilia. La produzione di pesche sciroppate è uso di moltissime regioni italiane.

Descrizione

Le pesche sciroppate sono una preparazione a base di pesche con aggiunta di sciroppo naturale. I frutti che si utilizzano sono belli esteticamente, grandi e compatti, di un colore giallo oro intenso. Questo tradizionale tipo di conserva di frutta rivela al naso il tipico odore di pesca fresca mentre il succo di limone rende lo sciroppo piacevole da bere.

Metodo di produzione

Le pesche vengono lavate, sbucciate, private del nocciolo e tagliate a metà. Vengono poi riposte negli appositi vasetti in vetro, in cui verrà aggiunto lo sciroppo, preparato nel frattempo, bollendo in una pentola acqua, zucchero e succo di limone.

Proprietà

Le pesche sciroppate, conserva tipica della tradizione italiana, rappresentano il metodo più comune per la conservazione delle pesche, frutto dalle eccellenti proprietà, reperibile solamente in limitati periodi dell’anno. Nonostante siano un prodotto trasformato, non sottoposto però a calore diretto, le pesche sciroppate possono essere considerate un valido sostituto del prodotto fresco, in quanto costituiscono ancora una preziosa fonte di vitamine, soprattutto A e C, sali minerali (potassio, fosforo, calcio, ferro) e fibre, soprattutto pectina. Queste ultime, rappresentando uno dei costituenti principali del frutto, gli conferiscono proprietà lassative, facilitando l’eliminazione di tossine e scorie mentre, la presenza di beta-carotene, pigmento responsabile del colore giallo-arancio, dona benefici effetti alla pelle, soprattutto quando questa è esposta al sole. Inoltre, l’elevata quantità di potassio (circa 110 mg in 100 g) favorisce l’eliminazione di liquidi attraverso le urine e la presenza di alcuni acidi, quali l’acido tartarico, citrico e malico aumenta l’acidità dello stomaco e quindi il potere digestivo dei succhi gastrici.

Seppur la pesca sia un frutto ipocalorico, consigliato anche ai diabetici, l’aggiunta dello sciroppo di zucchero, necessario per la sua conservazione, innalza il valore energetico del prodotto, da 30 a circa 300 kcal ogni 100 g. La pesca è costituita soprattutto da acqua (81,1 g in 100 g) e carboidrati ma la lavorazione a cui è sottoposta fa rientrare le pesche sciroppate nella categoria dei dolci non grassi.

 

Utilizzo in cucina / Abbinamento

Sono ottime come dessert da sole oppure con il gelato alla crema. Si possono guarnire con amaretti sbriciolati e crema di cioccolato fondente.

Conservazione

Vanno conservate in luogo fresco, buio e asciutto. Si mantengono per 8-12 mesi. Una volta aperto, conservare il barattolo in frigorifero per 4-5 giorni.

Storia

In origine, quando non esistevano i frigoriferi, la frutta sciroppata aveva la funzione di conservare la frutta stagionale per renderla disponibile nei mesi tardo autunnali, invernali e di inizio primavera.

Ingredienti

Pesche gialle, zucchero, acqua, succo di limone.