Prosciutto Toscano Stagionato

Categoria: Carni e salumi

Prodotto: Prosciutto Toscano Stagionato

Produttore: Azienda Agricola Bemoccoli

Il prosciutto toscano è un salume crudo e stagionato, tipico della regione, ottenuto dalla lavorazione delle cosce di suino rifilate, salate e speziate.

Zona di produzione

Toscana

Il prosciutto toscano stagionato viene prodotto in tutta la regione Toscana.

Descrizione

Il prosciutto toscano è un salume tipico della regione Toscana crudo e stagionato, ottenuto dalla lavorazione delle cosce di suino rifilate, salate e speziate. La stagionatura minima è di 12 mesi: in questa fase, l’utilizzo del sale marino, del pepe nero e di aromi naturali tipici della macchia mediterranea toscana, tra cui le bacche di ginepro, la salvia e il rosmarino, conferiscono al prosciutto un sapore speziato, esaltato da una leggera sapidità.

Il colore della fetta può variare dal rosso vivo al rosso chiaro, con scarsa presenza di grasso intramuscolare. Ha una  consistenza compatta, un profumo intenso e sapore deciso.

Metodo di produzione

Dopo la rifilatura, la carne del maiale viene sottoposta a salagione, utilizzando sale, aromi naturali e spezie. In seguito si passa alla sugnatura, rivestendo la parte scoperta della coscia con grasso, aromi, sale e spezie, in modo tale che il prosciutto non si asciughi troppo, sia protetto dall’esterno e sviluppi il suo caratteristico sapore. Il periodo di stagionatura, dalla salagione alla commercializzazione, deve essere di almeno 12 mesi.

Proprietà

Il principale ingrediente del prosciutto Toscano stagionato è la coscia del maiale, nato e allevato soprattutto in Toscana.

100 g di prodotto forniscono circa 350 kilocalorie e contengono 23 g di proteine, 0,6 g di carboidrati (di cui la maggior parte amido), 30 g di grassi totali (di cui 90 mg di colesterolo, con un ottimo rapporto tra grassi saturi e insaturi) e 1524 mg di sodio. Sono presenti inoltre sali minerali, tra cui: calcio, magnesio, ferro e potassio.

Il prosciutto Toscano è un prosciutto crudo stagionato caratterizzato da un’alta percentuale di proteine che grazie alla stagionatura diventano più facilmente digeribili. Il suo consumo è consigliato nelle diete ipocolesterolemiche e ipoglicemiche, considerato il suo basso contenuto lipidico e carboidratico.

Può essere considerato un alimento a “basso indice glicemico”, ovvero con basso impatto sui livelli sierici della glicemia dopo i pasti. Esso è, tuttavia, sconsigliato nelle diete iposodiche, a causa del contenuto di sale.

Il prosciutto Toscano stagionato è stato insignito del marchio DOP (denominazione di origine protetta), grazie alle eccellenti proprietà organolettiche che lo caratterizzano, dovute alle specifiche condizioni climatiche della terra in cui viene prodotto, la Toscana, e alla qualità della materia prima utilizzata.

 

Utilizzo in cucina / Abbinamento

Il prosciutto toscano è molto apprezzato sia al naturale che in ricette sfiziose. Consumato da solo, è ottimo abbinato al pane “sciocco”, il pane senza sale tipico della regione Toscana, oppure con un tagliere di formaggi e vini tipici del territorio.  E’ anche un ingrediente prezioso per la  preparazione di ricette sfiziose e saporite, come gli spiedini di prosciutto e melone, oppure per  insaporire la pasta, come condimento per la pizza, torte salate e anche per  farcire gli involtini di carne.

Conservazione

Il prosciutto toscano  intero può essere conservato per 18 mesi, in un luogo fresco e asciutto, l’ideale è la cantina. Una volta confezionato sottovuoto, invece, ha generalmente tre mesi di conservazione e va tenuto ad una temperatura di 0/+4° C.

Quando il prosciutto viene  iniziato,  va conservato in frigorifero o in un luogo molto fresco, ricoprendolo con una pellicola per alimenti e consumandolo entro un mese.

Storia

Il prosciutto toscano ha origini antiche, risalenti all’epoca degli Etruschi. Già intorno al XV secolo, sotto i Medici, la produzione di questo salume  viene regolamentata in tutte le sue fasi.

Il prosciutto toscano veniva tradizionalmente prodotto dai contadini che usavano macellare i maiali in inverno, trasformandolo in salume destinato al consumo familiare, rendendo questa operazione una vera e propria festa.

Ingredienti

Coscia di suino, sale, aromi naturali, spezie. Conservante: E252. Sono possibili varianti a seconda del produttore.